GUIDA  Abbiategrasso

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Abbiategrasso
Mappa Interattiva
Siti abbiatensi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Abbiategrasso
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Abbiategrasso:
2012, 2009, 2008

Abbiategrasso è situato in Lombardia, ai confini con il Piemonte, in Provincia di Milano. La terza domenica di ottobre si festeggia il Patrono, Beata Vergine Addolorata. Tra gli edifici religiosi: Duomo di Santa Maria Nuova; Chiesa di San Pietro. Da Vedere: Castello Visconteo.

Chiesa di Santa Maria Nuova - Facciata e Pronao

Confina con i comuni di: Cerano, Albairate, Ozzero, Morimondo, Cassinetta di Lugagnano, Vermezzo, Robecco sul Naviglio, Cassolnovo e Vigevano. E' a circa ventidue chilometri da Milano.

E' gemellata con la città tedesca di Ellwangen e la città francese di Langres.

E' un comune consorziato al Parco del Ticino [1]

Indice

Ritratto della Città

Abbiategrasso è una città geograficamente felice. La sua posizione in una zona pianeggiante e fertile come la Valle Grassa, bagnata dal Ticino e dai canali navigabili Naviglio Grande e Canale Scolmatore, ne fanno una perla della provincia Milanese. Positivamente inserita nell'orbita di Milano, ha costantemente beneficiato dello sviluppo economico e politico del capoluogo.

La sue origini sono databili attorno al V a.C., quando da quelle parti convivevano tribù Galliche e Romani in piena vena espansionistica. Infatti viene fatta risalire proprio a quel periodo la necropoli pagana ritrovata in località Cascina Pestegalla, corredata di circa 280 tombe.

Etimologia

Furono i Romani a battezzare la città: il patrizio possidente di quelle terre apparteneva alla gens Abia. Da qui le derivazioni in Abiatum - Abiate - Abbiate, a cui fu aggiunto una sorta di "cognome" in quanto appartenente alla Valle Grassa: Abbiate-Grasso.

Storia

Caduto l'Impero Romano, Abbiategrasso divenne proprietà personale dell'arcivescovo di Milano. Verso la metà del 1300 passò sotto il dominio della famiglia dei Visconti e andò incontro al suo periodo di massimo splendore.

Il canale del Naviglio Grande era già perfettamente navigabile ed i traffici commerciali con Milano si intensificarono. Chi si fosse trovato a passare per le rive del Naviglio in quel periodo avrebbe notato anche grandi barche cariche di marmi dirette al capoluogo, pronti per essere impiegati nella costruzione del Duomo.

Ai Visconti seguirono gli Sforza, che seppero traghettare la città tra alterne fortune fino al 1515, quando fu conquistata dal re francese Francesco I di Valois.

Pietro Pusterla, un nobile milanese, la acquistò nel 1523, pagandola addirittura con metà delle sue terre. Successivamente venne inglobata nei possedimenti spagnoli in Italia, sotto re Carlo V.

Fu solo il 22 ottobre 1651 che, con grande sforzo economico (ben quindicimila lire dell'epoca!), gli abitanti di Abbiategrasso finalmente la riscattarono.

Vie e Piazze

Piazza Marconi ospita il Palazzo Comunale ed è costeggiata da una serie di loggiati e portici di varie epoche.

In Via Pontida è situato il meraviglioso Convento dell'Annunziata, in via Borsani, nel centro storico del paese, si trova la Chiesa di Santa Maria Nuova.

Manifestazioni

  • La celebre Festa di San Pietro, durante la quale hanno luogo il famoso palio delle contrade e l'incendio del grande pallone di carta in piazza: dal volo del pallone i cittadini di Abbiategrasso traggono interpretazioni sulla riuscita del raccolto l'anno successivo
  • Il Carnevale viene festeggiato con una grande sfilata di carri e maschere il sabato
  • La Fiera di San Giuseppe, un'esposizione di merci e bestiame che dura quattro giorni
  • La Fiera di Santa Rosa da Lima
  • Abbiategrasso fa parte del circuito dei comuni che ospitano "Le strade del teatro", festival internazionale di mimo, pantomima e teatro urbano [2]

Curiosità

  • Il nome della città vanta anche un'origine mitologica. Fu una ninfa delle acque a benedire con la formula "Abbiate grasso !" quelle terre, perchè si mantenessero fertili e produttive. E gli abitanti, come a sancire un patto, si impegarono a loro volta a mantenersi laboriosi e di buona volontà.
  • Verso la fine del 1300, il duca di Milano Gian Galeazzo Visconti regalò Abbiategrasso alla moglie Caterina; qui nacque il primogenito Gian Maria. In onore di questa lieta nascita, fu fatta edificare la chiesa di Chiesa di Santa Maria Nuova.

Dove Dormire

  • Albergo Italia ***, piazza Castello 31, Telefono 02/9462871
  • Affittacamere La Villa ***, via Mercantini, 4 Telefono 340/5712914
  • Agriturismo Bed&Breakfast I Leprotti, Strada Vicinale della Canova, Telefono 02/94602685 Fax 02/94050098 [3] [4]
  • Bed&Breakfast Nel Cortile, via Legnano, 1 Telefono 348/7638208

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale Romeo Brambilla, Piazza Castello
  • Biblioteca della Pia Casa, Piazza C. Golgi, 11

Farmacie

  • Farmacia Milano, corso Matteotti, 44, Telefono 02/94967313
  • Farmacia Comunale 1, via Novara, 20 Telefono 02/94969680
  • Farmacia Comunale 2, viale Mazzini, 101 Telefono 02/94967090
  • Farmacia Zorzi, piazza Marconi, 1 Telefono 02/94967405
  • Farmacia Castoldi, corso Italia, 39 Telefono 02/94967378
  • Farmacia Facinelli, via Pavia, 30 Telefono 02/94966210

Complessi Bandistici

  • Corpo Musicale G. Garibaldi
  • Complesso Bandistico La Filarmonica, Via Alfieri, 1

Informazioni Utili

Icona train t.gif Come Arrivare Icona church t.gif Edifici Religiosi Icona palazzi t.gif Ville e Palazzi Icona dinner t.gif Dove Mangiare Icona asso t.gif Associazioni Icona sport t.gif Impianti Sportivi

Bibliografia

  • Notizie storiche di Abbiategrasso, Pietro Parodi, Ed. Atesa (2004)
  • Rinascimento ritrovato. La chiesa e il convento di Santa Maria Annunziata ad Abbiategrasso, G. Bora - P. De Vecchi, Ed. Skira (2007)
  • Storia di Abbiategrasso, A. Palestra (1956)
  • Notizie storiche del borgo di Abbiategrasso, P. Parodi (1924)
  • Primo rapporto sul recupero del castello di Abbiategrasso, V. Ingegnoli (1984)