GUIDA  Barasso

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Barasso
Mappa Interattiva
Siti barassesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Barasso
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Barasso:
2012, 2009, 2008

Barasso è situato nella Lombardia nella Provincia di Varese. L'11 novembre si festeggia il Patrono, San Martino. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di San Martino; Chiesa di Sant'Ambrogio e Carlo; Chiesa della Beata Vergine Immacolata.

Confina con i comuni di: Gavirate, Luvinate, Casciago, Castello Cabiaglio e Comerio.

Indice

Dove Mangiare

  • Ristorante Filetto e Controfiletto, Via Roma, 34
  • Ristorante Pizzeria Bistrot, Piazza S. Nicone, 5

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Via don B. Parietti

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Asilo Infantile E. Alemagna, Via Don Parietti
  • Comitato Tutela Bambino in Ospedale, Via Al Ronco, 3

Memorie Storiche

Il libro Antiquario della Diocesi di Milano (1828) così riporta:

Dopo pochi passi ecco BARASSO, che si vanta d'essere stato la patria di s. Nicò, benché alcuni altri lo facciano oriondo dal vicino Comerio, come già abbiamo accennato alla pag. 68. Quanto sia antica la chiesa parrocchiale di s. Martino di Barasso si cava dalla fondazione dello spedale di s. Ambrogio di Molina, terra dipendente da Barasso, dacché lo spedale fu posto sotto la protezione dell'arcivescovo Algisio, il quale nel 1181 ordinò al superiore ed ai religiosi spedalieri, che riconoscessero il parroco di Barasso nella festa di s. Martino con cinque soldi, e il capitolo di Varese nella festa di s. Ambrogio con un pranzo e parte delle candele.

In Corografia dell'Italia (1832) così viene descritto il comune:

BARASSO, ameno villaggio della prov. di Como, distretto di Gavirate, posto sopra il ciglione del colle che verso borea domina il lago di Varese, ed ha dinanzi a sé una vaghissima prospettiva. Compreso il casale di Molina Santambrogio non contiene che circa 550 abitanti, benché il suo territorio abbondi di cereali e gelsi, e produca squisiti vini. La sua parrocchia esisteva sino dal XII secolo, poiché gli spedalieri di Molina suddetto riconoscevano il parroco di Barasso per loro superiore, offerendogli cinque soldi ogni anno nel giorno di san Martino. Sta sulla via che da Varese conduce a Laveno, 5 miglia distante dal primo e 10 dal secondo.