GUIDA  Marradi

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Marradi
Mappa Interattiva
Siti marradesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Marradi
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Marradi:
2012, 2009, 2008

Marradi è situato nella Toscana, ai confini con l'Emilia-Romagna, nella Provincia di Firenze. Il 10 agosto si festeggia il Patrono, San Lorenzo. Tra gli edifici religiosi: Badia del Borgo; Chiesa Arcipretale di San Lorenzo; Chiesa del Suffragio. Da Vedere: Castello di Castiglionchio, detto anche Castellaccio (in località Biforco); Palazzo Torriani; Villa Ceroni, costruita dai Fabbroni.

Confina con i comuni di: Brisighella, Portico e San Benedetto, Modigliana, Tredozio, Dicomano, Borgo San Lorenzo, Palazzuolo sul Senio, San Godenzo e Vicchio.

Veduta del centro storico
Chiesa di San Lorenzo
Il marrone-prodotto tipico della zona
Teatro degli Amorosi - interno
Municipio - Torre dell'orologio
Torrente Lamone

Indice

Da Vedere

  • Municipio
  • Teatro degli Animosi
  • Chiesa di San Lorenzo
  • Palazzo Torriani
  • Chiesa del Suffragio
  • Villa Piani al Poggio
  • La Cappellina
  • Chiesa e convento della SS Annunziata
  • Eremo di Gamogna
  • Badia al Borgo
  • Castello di Castiglionchio
  • Pieve di Santa Maria a Popolano
  • Chiesa di Santa Maria Nascente a Crespino del Lamone

Dove Mangiare

  • Trattoria Il Camino, Viale Baccarini, 38. Tel. 0558-045069. Chiuso il mercoledì.

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Piazza Le Scalelle 5
  • Biblioteca del Centro studi campaniani Enrico Consolini, Piazza Le Scalelle 5

Teatri

  • [[../Teatro degli Animosi]]

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Antichi Mestieri Cooperativa Sociale A R.L Onlus, Piazza Scalelle 8
  • Associazione Turistica Pro-Loco, Via Castelnaudary
  • Co.M.E.S. Cooperativa Sociale O.N.L.U.S., Piazza Scalelle 8
  • Com.I.L. Cooperativa Sociale O.N.L.U.S., Piazza Scalelle N. 8
  • Confraternita di Misericordia di Marradi, Via Fabbroni 17
  • Fondazione Goffredo Nannini O.N.L.U.S., Piazza Scalelle 8

Informazioni Utili

Icona train t.gif Come Arrivare

Memorie Storiche

Attilio Zuccagni-Orlandini nel suo Indicatore topografico della Toscana granducale (1856) così scrive:

MARRADI. Capoluogo, con Deleg. e Pret. civ. e crim. di 3a Cl., e Distrib. Post. di 4a Cl. Grossa Terra, una delle primarie della Romagna. E' traversata dal Lamone, cui scendono ad unirsi dentro di esso, a levante il Rio della Badia, a ponente quello di Collecchio; quindi si contano entro Marradi sei ponti. Ignota è l'origine di questa Terra: certo è che appartenne ai Guidi, ma i Fiorentini incominciarono ad acquistarvi un diritto sino dal 1257.

Vaghe ed eleganti sono le fabbriche che fiancheggiano la piazza maggiore, nella quale è il Pretorio, la casa del Comune, la soppressa Chiesa del Suffragio, ed il più vasto dei Palazzi Fabroni ora Locanda, ove in diversi tempi alloggiarono Maddalena d'Austria e Papa Giulio II. Una fonte pubblica di ottime acque fluisce dietro il Pretorio. Nella Chiesa delle Domenicane sono pitture di buona scuola. In un angolo segregato della Terra è il pubblico teatro con tre ordini di palchi, aperto nel 1800 dall'Accademia degli Animati. Il ponte sul Lamone dà comunicazione al borgo posto sulla sinistra. Trovasi in questo una Casa di deposito pei Gettatelli, e l'Arcipretura poi ricostruita nel 1784 ed ornata di stucchi. Nel subborgo superiore alle fonti pubbliche trovasi lo Spedale: a breve distanza, sulla via Fiorentina, è l'ex-Convento dei Serviti. (V. Atl. Tosc.).

Nella Corografia dell'Italia (1834) così viene descritta la frazione del comune:

POPOLANO, vill. del granducato di Toscana, ai piedi boreali dell'Apennino, nella valle del Lamone, territorio di Marradi, col qual borgo forma una sola comunità. Dal frequentato santuario che vi sta vicino è comunemente chiamato Santamaria di Popolano.

Galleria Foto