GUIDA  Nicosia

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Nicosia
Mappa Interattiva
Siti nicosiani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Nicosia
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Nicosia:
2012, 2009, 2008
Cattedrale di San Nicola

Nicosia è situato in Sicilia in Provincia di Enna. Il 6 dicembre si festeggia il Patrono, San Nicola di Bari.

Confina con i comuni di: Geraci Siculo, Gangi, Mistretta, Castel di Lucio, Nissoria, Leonforte, Sperlinga, Calascibetta e Cerami.

Indice

Da Vedere

  • Cattedrale di San Nicola
  • Santuario Madonna del Carmine
  • Palazzo di Città, settecentesco

Dove Mangiare

  • Ristorante La Grotta, Via Sant'Antonio, 7
  • Ristorante Pizzeria La Cuccagna, Piazza Alessandro Volta, 21
  • Ristorante Pizzeria Sympaty, Via Nazionale, 168
  • Ristorante Quadrifoglio, Via Umberto I, 5

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Piazza Garibaldi
  • Biblioteca del Convento dei frati minori cappuccini, Via beato Felice, 43
  • Biblioteca del Seminario vescovile Sant'Agostino, Contrada Murata
  • Biblioteca popolare, Via Calvario, 8

Informazioni Utili

Icona asso t.gif Associazioni

Bibliografia

  • Notizie storiche di Nicosia (rist. anast.), Ed. Forni, collana "Bibl. istor. della antica e nuova Italia" (2001)
  • Sperlinga e Nicosia. La memoria ritrovata, S. Lo Pinzino, Ed. Il Lunario (2005)
  • Itinerari di civiltà rupestre a Nicosia, Antonino Campione, Ed. Lancillotto e Ginevra (2003)

Memorie Storiche

Il libro L'Italia meridionale o L'antico reame delle Due Sicilie (1860) riporta:

Nicosia, con 13 mila abitanti, capoluogo di distretto, sede vescovile sufraganea di Messina, posta sulle falde di un monte presso alle sorgenti del Simeto, con belli edificj, conventi e chiese. La città fa commercio di grani, di vini, olj e bestiami, che sono prodotti del suo fertile territorio. In quelle vicinanze è una ricca miniera di sal-gemma e molte sorgenti solforose.

Mentre nel Dizionario del 1858 di Antonio Busacca la città viene così descritta:

Nicosia - Capo distretto nel val di Noto, Intendenza di Catania, giace sul dorso di due monti, dista dal mar Tirreno 24 miglia, da Messina 90, da Palermo 80. Sede Vescovile, ha due collegiate con 10 canonaci per ciascheduna e 10 beneficiali. Popolazione 12800. Esporta grano, orzo, caci e vino. Si vuole che Nicosia sorgesse sulle rovine dell'antica Herbita. Nei suoi contorni si trovano varie grotte ed anticaglie che si credono di Herbita. Nel feudo del Canaletto a piè del monte S. Giovanni vi è una sorgente d'acqua che ha sapore di latte, e si è creduta utile alla tisi, balsamica e pettorale. Si trovano pure sedimenti oleosi e bituminosi, e nella detta montagna si trova pure carbon fossile e bitume.

Fra gli uomini illustri di Nicosia, devonsi tener come celebri nel XVI secolo Pietro Vinci, peritissimo nella musica, prof. in Roma; Marcello Capra, medico dell'armata spagnola e di Giovanni d'Austria, di cui vi è stampata una disertazione sulla epidemia del 1591 ed altre opere filosofiche; nel XVII secolo Giuseffo Villardita peritissimo nella scultura, che fece scuola detta del Nicosioto e stampò un'opera la scherma illustrata ridotta in compendio; P. Antonio Cotone del terzo ordine di S. Francesco profondo teologo consultore del Cardinal Rossetti, tenuto in somma reputazione in Roma dove morì nel 1672 dopo avere stampato varie opere teologiche e morali.

Ma nel XVIII secolo Nicosia si gloria aver dato Mons. Testa, arcivescovo di Monreale, decoro ed ornamento della Sicilia, modello dei sacri pastori, dei veri patriotti Siciliani, uomo dottissimo, magnifico e grande nelle sue imprese. Il giureconsulto Testa chiarissimo in fatto di lettere e delle scienze del dritto, fratello del prelodato monsignore. Vedi Nicosia illustrata.