GUIDA  Randazzo

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Randazzo
Mappa Interattiva
Siti randazzesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Randazzo
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Randazzo:
2012, 2009, 2008
Il municipio
Chiesa di San Nicola

Randazzo è situato in Sicilia in Provincia di Catania. Il 19 marzo si festeggia il Patrono, San Giuseppe.

Confina con i comuni di: Adrano, Belpasso, Biancavilla, Centuripe, Floresta, Maletto, Santa Domenica Vittoria, Roccella Valdemone, Tortorici, Troina, Castiglione di Sicilia, Regalbuto, Sant'Alfio, Zafferana Etnea e Bronte.

E' a circa sessantanove chilometri da Catania.

Indice

Da Vedere

  • Chiesa di San Martino
  • Chiesa di Santa Maria
  • Chiesa di San Nicola
  • Palazzo Reale
  • Palazzo Clarentano

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale Don Virzì, Via Umberto I, 75
  • Biblioteca del Collegio S. Basilio, Piazza D. Guidazio, 7

Lapidi Commemorative

Bibliografia

  • Storia della città di Randazzo, S. Virzì, Messina (1978)
  • Randazzo e le sue opere d'arte, S. Virzì, Nicolosi (1987)
  • Randazzo. Una città medievale, Salvatore Agati, Ed. Maimone (1988)
  • Randazzo e il suo territorio tra Medioevo e prima età moderna, Domenico Ventura, Ed. Sciascia (1991)
  • Architetture del Medioevo in Sicilia a Castrogiovanni, Piazza Armerina, Nicosia e Randazzo, Walther Leopold ; traduzione di Annamaria Leopold ; contributi di Annamaria Leopold, Rocco Lombardo, Renata Prescia, Gaetano Scarpignato - Enna, Il lunario, c2007 (stampa 2006)
  • Citta e castelli dell'Etna. Un percorso tra Adrano, Bronte, Randazzo e Castiglione di Sicilia, Luigi Sanfilippo e Gaetano Scarpignato - Catania, G. Maimone, [2009]

Memorie Storiche

Nel Dizionario del 1858 di Antonio Busacca la città viene così descritta:

Randazzo - Capo circondario. È nel val Demone, nell'intendenza di Catania, distretto di Acireale, dioc. di Messina, dista 20 dal mare jonio, 127 da Palermo. Esporta grano, vino e caci. Pop. 6867, terr. sal. 1200. Vanta di aver dato a luce nel XVI sec. al giureconsulto Gio. Domenico Cavallaro; nel XVII sec. al giureconsulto Pietro Oliveri; al Poeta comico Nunzio Perciabosco; al P. Giuseppe Marzio gesuita sacro oratore, al celebre prof. di musica Erasmo Marotta.