29 Maggio 2008

I mille volti della Gallura “felice”

di Marcello Di Sarno (Blog Olbia. Interviste Sindaci)

Il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli intervistato per Comuni-Italiani.it

Come si presenta la sua città a chi oggi la vive quotidianamente?
Olbia si presenta ancora interessata da importanti lavori di riqualificazione che continuano secondo un programma di opere Gianni Giovannelligià definite. Comunque sono già apprezzabili i risultati ottenuti in questi ultimi anni. La dimostrazione dell’appeal ricettivo della città sta nel recentissimo sondaggio del “Sole 24 Ore” che ha posizionato Olbia al vertice dei comuni più attrattivi d’Italia, secondo solo a Grosseto.

Tre validi motivi per visitarla?
Primo: la facilità dei collegamenti.
Secondo: lo straordinario mix di bellezze paesaggistiche, patrimonio archeologico e tradizioni popolari di questa città viva e dinamica, ricca di emozioni e di opportunità.
Terzo: la posizione di Olbia (nome di origine greca che, non a caso, significa “felice”) è strategica rispetto ad uno spettacolare scenario, rinomato in tutto il mondo, che comprende località quali l’area Marina Protetta di Tavolara, Porto Rotondo e San Pantaleo. Ad incidere positivamente è anche l’assoluto pregio di località vicine, a cominciare dalla Costa Smeralda per arrivare alle incantevoli zone interne.

Chi o cosa, secondo lei, ne ha fatto la storia, ne ha plasmato l’identità?
La storia millenaria di Olbia ci descrive una città che ha sempre trovato la forza di sapersi valorizzare attraverso coloro che hanno deciso di eleggerla a residenza. Pensiamo, in epoca più recente, ai mercanti e gli imprenditori continentali, ma anche alle tante genti, provenienti da oltremare e da altri centri della Sardegna, che hanno scelto Olbia come luogo ideale per trasferirvi saperi, competenze e professionalità.
Indubbiamente, poi, la svolta turistica degli Anni Sessanta vede alcuni indiscussi protagonisti come Sua Altezza Karim Aga Khan e la famiglia Donà dalle Rose. A questi, nel corso degli anni, si sono aggiunti tanti capaci imprenditori che, oggi, valorizzano questo territorio con importanti intraprese nei diversi settori legati ai traffici marittimi, al turismo e ai servizi. Olbia è anche orgogliosa del suo passato e delle sue tradizioni, ancora oggi molto sentite e profondamente radicate in una comunità fortemente legata alle sue radici, alla sua storia e alla sua identità. Il fatto che sia “storicamente” ospitale ed accogliente è sicuramente un valore aggiunto.

Per quale aspetto della sua città va personalmente fiero?
Olbia si distingue per la sua capacità di accoglienza. Questo fatto la rende sempre più multietnica e cosmopolita, ricca di sensibilità civica e fermenti culturali.

Tra progetti da portare a termine e traguardi ambiziosi da perseguire, come vede il futuro della sua città?
Vedo una città che diventa sempre più bella, ancora più accogliente e ancora più solidale. Più bella perché stanno per partire dei nuovi progetti di riqualificazione quali l’Urban Center, già in parte finanziato, l’ampliamento del Parco Fausto Noce con l’annessione dell’attuale Vivaio Forestale, il completamento del waterfront, del centro storico e della Piazza Mercato. Diventerà ancora più accogliente ed aperta ai flussi turistici nazionali ed internazionali con l’ampliamento del porto, del sistema portuale commerciale e crocieristico e della rete ospedaliera, grazie alla realizzazione del nuovo Ospedale “Giovanni Paolo II” e del polo privato del “San Raffaele”. Sarà ancora più solidale grazie alla costruzione di nuove scuole, nuovi asili e nuove strutture rivolte all’accoglienza e al rafforzamento del ruolo del volontariato, già molto attivo in città.

Una domanda che vorrebbe sentirsi rivolgere sulla sua città e la risposta che darebbe.
Quale ruolo può giocare Olbia, grazie alla sua forza attrattiva, nel contesto della nuova Provincia della Gallura a vantaggio di tutta la regione?
Olbia è sempre più punto di riferimento dello sviluppo economico e sociale del Nord Sardegna. Un ruolo che intende svolgere mettendosi al servizio di tutte le città e i paesi della nuova Provincia di Olbia-Tempio attraverso costruttivi rapporti economici ed istituzionali con tutti i soggetti operanti nel territorio. Vogliamo quindi promuovere un armonico e sinergico sviluppo delle zone costiere e di quelle interne anche guardando alle ottime opportunità, messe in campo dall’Unione Europea, che il Comune di Olbia ha già saputo cogliere con notevoli risultati.

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Arzachena (1), San Teodoro (1), Palau (1), La Maddalena (1), Tempio Pausania (1), Santa Teresa Gallura (2), Bitti (1)