29 Agosto 2008

Una gita a Palmi

di Andrea Bonfiglio (Blog Palmi. Alla Scoperta della nostra Italia)

Palmi Centro StoricoUn look sapientemente curato ed una veste a metà strada tra la modernità e la tradizione rappresentano gli elementi distintivi di Palmi, magnifico esempio di cittadina calabrese all’avanguardia, risorta dalle roventi ceneri di un violento terremoto datato 1908.

Una serie di lunghe e dritte vie si alterna a vicoli angusti ed ombrosi che si snodano, in un mix di salite e discese dalla ripidezza variabile, a partire dalle numerose e larghe piazze che – dato il grazioso assetto architettonico – impreziosiscono l’abitato. A costeggiare questi caratteristici tratti d’asfalto non mancano le più svariate boutique, le librerie ed i negozi di quartiere, tra i quali si nota perfino un modernissimo internet point, che si alternano in un perfetto equilibro paesaggistico agli imponenti palazzi storici che in molti casi dominano la scena.

La cornice naturale, tuttavia, non è affatto da meno. La strategica posizione geografica in cima ad un terrazzo che sovrasta la costiera tirrenica dell’Aspromonte, infatti, regala ai visitatori un panorama da cartolina fatto di mare, spiagge, rilievi, distese di verde e grappoli di case arroccate sui pendii circostanti.

Chiedendo informazioni alla gente del posto sulla località palmese dalla quale è possibile godere della miglior vista sulla splendida Costa Viola ci si ritrova, poco dopo, ad ammirare – dalla vetta di un poggio adornato di boschi, raggiunto con un po’ di fortuna attraverso una trafila di insidiosi tornanti – una piana circondata da acque smaltate d’azzurro e solcate da imponenti mercantili che dall’orizzonte s’avvicinano al maestoso complesso portuale di Gioia Tauro.

L’atmosfera silente e la fresca brezza proveniente dal mare caratterizzano l’altura in modo piacevolmente unico, scacciando dalla mente e dal corpo l’opprimente sensazione d’angoscia che solo la prepotente calura estiva del borgo sa dare. Dal rubinetto d’una fontana a margine della strada sgorga senza soluzione di continuità un flusso gelido e cristallino d’acqua potabile: una tentazione irresistibile per qualunque accaldato viandante. Una fila di persone in cerca di un’ulteriore dose di refrigerio si snoda così per un paio di metri: la dissetante “ricompensa” vale l’attesa!

Scacciati gli ultimi residui d’arsura una nuova ossessione assale la mente: la sabbia. La visione del panorama mozzafiato appena ammirato è indelebile, pertanto non resta che avviarsi verso la costa.

Qualche chilometro più tardi, dietro un gruppetto di modeste case, si rivela la Tonnara: 2.000 metri di spiaggia bianchissima, nota ai turisti per la presenza di un irto ed imponente scoglio, circondato dalle limpide acque marine, sulla cui sommità si erge solitario un esemplare d’ulivo. Uno straordinario tocco di poesia ad una località già da sogno.

(Foto di Dans-eng rilasciata in pubblico dominio) 

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Gioia Tauro (2), Bagnara Calabra (1), Rizziconi (1), San Ferdinando (1), Taurianova (1), Santa Cristina d'Aspromonte (1), Terranova Sappo Minulio (1), Rosarno (1), Scilla (1), San Roberto (1), Nicotera (1), Santo Stefano in Aspromonte (1)