13 Dicembre 2008

Uno dei borghi più belli d’Italia a ridosso del Gran Sasso

di Sofia Riccaboni (Blog Castelli. Alla Scoperta della nostra Italia)

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso, ai piedi del Monte Camicia, si trova il paese di Castelli. Un borgo immerso in una natura incontaminata, circondato da boschi e prati fantastici, nello splendido scenario della regione Abruzzo. Sullo sfondo, ma non così lontane, le bellissime montagne degli Appennini.
Un paesaggio pulito, con un’aria che profuma di aghi di pino e di pigne.

Vista di Castelli

Vista di Castelli

Una sorta di castello difeso da profondi burroni su tre lati e dalla montagna dal quarto; una terrazza sulla valle che permette di vedere un panorama mozzafiato.
Re della scena il Gran Sasso, reso ancora più accessibile allo sguardo dal Belvedere, costruito nel 1926 dopo la distruzione portata dal terremoto del 1915.
Non a caso il paese è stato inserito tra i Borghi più Belli d’Italia.
Dal belvedere hanno inizio moltissimi sentieri che portano alla vetta del Gran Sasso, attraversando i boschi, prima, e inerpicandosi sempre più su, poi, tra arbusti e rocce: per gli amanti dell’alpinismo un vero paradiso.

Ma questo piccolo paese è rinomato in tutta Italia e nel mondo anche per la sua vastissima produzione di maioliche dipinte a mano da abili maestri artigiani.
Una tradizione lontana, che si trova già intorno all’anno Mille, ma che trova il suo massimo sviluppo nei secoli XVII e XVIII, quando i manufatti venivano esportati in tutta Europa nelle nobili case di re e regine.

È una attività ancora oggi molto produttiva e avrete modo di accorgervene passeggiando per le vie del borgo. Tra le vecchie stradine, che si snodano verso il centro, un po’ in salita, sono tantissime le botteghe di artigiani che si occupano di quest’arte. Tra i tanti accessori e suppellettili che espongono, in un suggestivo gioco di immagini e di colori, troverete sicuramente qualcosa che non potrete fare a meno di portare a casa con voi.

Per avere un’idea chiara di questa immensa e stupefacente produzione artistica e della sua lunga storia e tradizione, antica e moderna, non c’è nulla di meglio che visitare il famoso Museo della Ceramica.
Così facendo avrete anche modo di visitare il convento seicentesco che lo ospita. Si tratta del Convento Francescano dei Frati Minori Osservanti, una bellissima opera ampliata in varie fasi e arricchita con affreschi nel chiostro raffiguranti la Vita della Madonna, di autore purtroppo sconosciuto.

Degna di nota è anche la Chiesa di San Donato, che si trova un pochino fuori rispetto al paese, definita anche Cappella Sistina della Maiolica da Carlo Levi. In effetti vedendo lo splendido soffitto decorato da tantissime figure dipinte a mano si resta incantanti.

Restando in centro al borgo, non dimenticate di visitare la magnifica piazza centrale. Qui troverete uno dei pezzi di architettura più belli del paese di Castelli, la chiesa di San Giovanni Battista.
Resterete colpiti dalla magnificenza della sua scalinata, costruita in pietra bianca con due grandi e imponenti colonne laterali. All’interno della chiesa, realizzata nel Cinquecento, una serie bellissima di maioliche che incorniciano altrettanto magnifiche opere pittoriche.

Non andatevene da qui senza aver assaggiato la sua cucina locale. La tradizione regna sovrana tra i fornelli di questo borgo e raccoglie i suoi ingredienti da quello che la terra e la montagna gli concede.
Troverete i deliziosi maltagliati con le voliche, un’erba che cresce esclusivamente sopra i duemila metri, oppure a Natale il caggiunitte, un dolce che ha forma di raviolo fritto, ma con ripieno fatto di mandorle, cioccolato, farina di castagne e ceci.

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Tossicia (1), Santo Stefano di Sessanio (2), Teramo (1)