21 Gennaio 2009

Una delle porte di accesso alla Valle dell’Alcantara e alle sue Gole

di Manuela Zummo (Blog Francavilla di Sicilia. Alla Scoperta della nostra Italia)

Veduta di Francavilla di Sicilia

Veduta di Francavilla di Sicilia

La città di Francavilla di Sicilia vanta origini antichissime, come testimoniano i numerosi reperti archeologici risalenti al V secolo a.C.

Ma le sue radici sono rintracciabili dai documenti storici riguardanti le sue numerose successioni, sino ad arrivare alla dominazione francese, dalla quale deriva l’origine del suo nome.

La sua denominazione deriva, infatti, dal termine “franc-ville”, cioè Città Franca, perché la cittadina era esente dal pagamento delle tasse.

Il piccolo paese non è differente da molti altri della Provincia di Messina, ricco com’è di tradizioni, folklore e cultura.
Le vecchie case sorridono ai turisti che d’estate affollano i vicoli e le stradine strette e una ventata di freschezza sembra essere stata portata dalle nuove fontane e dai parchi gioco per bambini, con multicolori balocchi per gli abitanti del futuro, disseminati qua e là per il borgo.

Nonostante sia piccolo, c’è tutto quanto occorre per trascorrere una vita serena, lontana dal caos cittadino: il bar per la clientela più anziana, la birreria per quella più giovane, luoghi di ristoro e una lunga passeggiata dove godere della frescura estiva, regalata da verdeggianti alberi ai lati del vialone cittadino.

Qui la vita sembra essersi fermata e il moderno convive con l’antico in un connubio ormai inscindibile: il passato sta lì ad ammonire il presente e le vecchie strutture non appaiono come ruderi fuori posto da cancellare per nascondere l’incuria del tempo, ma parte integrante di una storia cittadina che non può essere cancellata.

Nello splendido scenario della Valle dell’Alcantara, Francavilla di Sicilia occupa una posizione centrale; da essa, infatti, si ha accesso alle Gole dell’Alcantara e alle sue strutture ricettive che si snodato tra la Provincia di Messina e la Provincia di Catania.

Le Gole sono una meta irrinunciabile per gli amanti della natura intatta e degli itinerari naturalistici. Esse si trovano nell’omonima valle dove scorre anche il fiume, dallo stesso nome.

Cascata Gole dell'Alcantara

Gole dell'Arcantara

Secondo alcuni, questi canyon alti e imponenti, lunghi circa 6 km, si sono formati a seguito di un’eruzione dell‘Etna che riempì letteralmente il letto dell’Alcantara.
La stessa lava poi costituì queste suggestive gole, le cui pareti sono state decorate geometricamente dalla natura nel corso dei secoli. Il fiume, in seguito, si insinuò lentamente tra le rocce laviche, creando un percorso tortuoso e affascinante, le Gole dell’Alcantara appunto.

Secondo altri invece le Gole si sono originate da un violento sisma che fece squarciare in due costoni un’antica colata lavica, lasciando spazio al fiume.

Certo è che ammirare queste gole da vicino, fa sentire davvero insignificanti davanti alla forza della natura.
I suggestivi panorami che si presentano allo sguardo del visitatore, cascate, laghetti, grotte, lascerebbero senza fiato chiunque.

Tre gli elementi predominanti: la pietra, l’acqua e il cielo che, attraverso il gioco della luce solare, esalta le linee delle rocce a forme di prismi sulle quali si riflettono, come specchi, le cascate.
L’impatto visivo tra luci e ombre è davvero magico.

La visita al Parco Fluviale dell’Alcantara prevede sei diversi percorsi che consentono di vivere l’escursione in maniera diversa, secondo esigenze e spirito di avventura e anche esperienze sportive entusiasmanti.

Tra queste il River Trekking che consiste nel risalire a piedi (con l’ausilio di una guida esperta) il letto del fiume tra le rapide e i mulinelli o arrampicandosi su speroni rocciosi per saltare dall’altra parte dell’argine. Non mancano tratti più tecnici, dove è richiesto tuffarsi nelle gelide acque del fiume per nuotare qualche metro contro corrente per raggiungere la riva. Un’ora e mezza davvero stancante!!!!

Sicuramente il posto non è indicato per il relax, ma il Parco Fluviale offre spazi anche ai meno avventurosi.
Con l’ingresso, infatti, si può usufruire di aree attrezzate dove poter fare un pic-nic in mezzo alla natura, ma anche di bar, campi da gioco e tutti gli altri servizi, per passare un giorno all’interno di uno scenario unico.

(Foto 1 di Dantadd in licenza Creative Commons, foto 2 di Manuela Zummo)

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Castiglione di Sicilia (1), Motta Camastra (1), Linguaglossa (1), Calatabiano (1), Castelmola (1), Giardini-Naxos (1), Taormina (2)