13 Aprile 2010

Pasquetta a tutti i costi

di Daria Castaldo (Blog San Salvatore Telesino. Racconti di Viaggio)

Vista della Rocca di San Salvatore Telesino

Vista della Rocca di San Salvatore Telesino

Se il mese di Marzo è considerato non proprio stabile da un punto di vista meteorologico, il mese di Aprile non lo è certo di meno, ma noi ad una giornata di Pasquetta trascorsa all’aria aperta non volevamo proprio rinunciare!

Così, sotto un cielo grigio carico di pioggia, bocciata la proposta di una lunga gita verso il mare di Formia, accompagnata da certo traffico intenso, ci erano rimaste le provviste di Casatielli pasquali e Pastiere di grano ed una irrefrenabile voglia di andare ovunque e goderci questa giornata di libertà. Punto di partenza: Caserta.

Montagna, spazi verdi, terme e fiumi a volontà nei dintorni; si, ma dove andare?
Ad un tratto qualcuno propone una meta nuova:  direzione Telese, ma con deviazione verso San Salvatore Telesino, dove un’area verde con panchine, il Parco del Grassano, sembrava fare proprio a caso nostro.

Partendo da Caserta il vero vantaggio oltre la vicinanza è la presenza di una strada la SP167,  che in pochi conoscono e che in un tempo davvero irrisorio ci porta in zona: una decina di curve in salita fin su alla collina di San Michele che si affaccia in maniera meravigliosa su tutta la città di Caserta, e poi giù, altre curve in discesa fino alla Valle di Maddaloni, per passare poi accanto al maestoso acquedotto di Vanvitelli, che un tempo alimentava l’impianto idrico di tutto il complesso della Reggia.

Lungo il viaggio, il cielo sembra dividersi a metà: avanti a noi un sole caldissimo si fonde con nuvole rade intrecciate a nuvoloni scuri e minacciosi, dietro di noi una nebbia grigia avvolge le montagne in lontananza. Però, nonostante il tempo, siamo fiduciosi, e ormai Telese è vicina.

Seguendo le indicazioni, percorriamo un pezzo di storia senza rendercene neanche conto: antichi ruderi e mura sparse spuntano tra le campagne verdi ai lati della strada, probabilmente i resti della città sannitica di Telesia, disseminati lungo tutto il tratto che collega Telese a San Salvatore Telesino, regalando a questa zona un fascino primitivo.

Il paese non è distante: appena in lontananza, sporge su un piccolo colle un’antica rocca medievale, quasi affacciata  sul centro storico di San Salvatore Telesino, mentre si riesce a distinguere bene la struttura dell’Abbazia, da cui il paese prende il nome.
Ad un certo punto la strada ci impone di imboccare la viuzza con indicazione  Parco del Grassano:  in fondo si vede un viale strapieno di auto parcheggiate e gente con zaini in spalla, mentre una danza di Supersantos tra i ragazzini ci conferma che siamo arrivati nel posto giusto.

Una volta fuori dalle auto, varcato il cancello del parco, facciamo fatica a credere a quello che abbiamo davanti agli occhi: un’area verde immensa, con aiuole e giardini curatissimi, gazebi, tavoli in legno e fornaci comuni per arrostire le carni.
E poi, alle spalle, un fiume delizioso, il Grassano, che, dopo un lungo percorso sotterraneo emerge in superficie scavando il suo letto nel verde del parco, dalle acque così limpide e chiare da renderne visibile il fondale, che si lascia attraversare dai più sportivi in canoa o kayak, da papere solitarie e pesci colorati.

A questo punto non c’è altro tempo da perdere: prenotiamo un tavolo, sfoderiamo casatielli, pastiere e salumi di ogni genere, e prepariamo due squadre per una partita di calcetto mentre le nuvole diventano sempre più sottili e lontane.
La giornata sembra aver preso la giusta piega!

(Foto di Adam91 in licenza Creative Commons)

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Telese Terme (1), San Lorenzello (1), Solopaca (1), Frasso Telesino (1), Cusano Mutri (2), Guardia Sanframondi (1), San Lorenzo Maggiore (1), San Lupo (1), Sant'Agata De' Goti (1), Vitulano (1), Paupisi (1)