17 Aprile 2008

Intervista alla Biblioteca di Monte San Savino

di Marina Greco (Blog Monte San Savino. Interviste Biblioteche)

Il Dottor Giuseppe Veltroni ci racconta la vivace realtà della biblioteca Cardinal Giovanni Colombo di Monte San Savino

Com’è nata la biblioteca e che ruolo ha ricoperto nella storia del Comune?
biblioteca-di-monte-san-savino.JPG La Biblioteca, fondata nel 1972, ha sede dal 1991 nell’antico palazzo del XVI secolo, detto dell’ex-Cancelleria (la Cancelleria fu in questo palazzo dalla seconda metà del ‘700 al 1859). Quando qui fu trasferita nel 1991, la Biblioteca venne intitolata al Cardinal Giovanni Colombo, cittadino onorario di Monte San Savino e già discepolo di un illustre letterato savinese, Giulio Salvadori (1862-1928).
Possiede una piccola ma significativa sezione locale di circa 700 volumi ed è correlata strettamente all’Archivio storico comunale (che ha sede al piano superiore dello stesso palazzo).
La Biblioteca comunale ospita il Club di fotografia “Il Sansovino”.

In quali occasioni la biblioteca diventa protagonista nelle attività culturali del territorio?
La biblioteca organizza un premio di poesia giovanile dedicato a “Giulio Salvadori”, illustre letterato savinese, riservato a tutti gli alunni delle scuole elementari e medie della Toscana.
Quest’anno il Premio è giunto alla ventiquattresima edizione.
La cerimonia di premiazione si svolge ogni anno la prima domenica del mese di giugno.

Che tipo di esigenze ha chi si rivolge alla biblioteca?
L’utenza della biblioteca è prevalentemente scolastica che si rivolge ad essa per motivi di studio e di approfondimento culturale.

Il fiore all’occhiello della biblioteca, la collezione o il volume che la impreziosisce
Ricordiamo i volumi donati alla biblioteca dalla poetessa romana Jole Tornelli e la collezione di dischi in vinile del musicologo William Weaver.
Degne di nota sono anche alcune Elegie di Salamon Fiorentino, qui custodite.

Quali letture consiglierebbe per conoscere a fondo la storia e l’identità del comune?
I volumi conservati nella sezione storica locale della biblioteca tra cui ricordiamo due incunaboli ed un’opera cinquecentina.
La sezione locale custodisce in totale circa 700 volumi.

Quali concittadini hanno contribuito alla crescita del suo patrimonio documentale?
La donazione più cospicua è stata elargita da Jole Tornelli, poetessa romana, da alcuni anni defunta che ha voluto donare parte della sua biblioteca privata (circa 5000 volumi) alla biblioteca comunale.
Altra donazione degna di merito è quella di dischi in vinile effettuata dal musicologo William Weaver (circa 5000 long plain di musica classica).
Significative sono anche le donazioni effettuate da altri concittadini.

Fotografia di Pier Luigi Zanni

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Lucignano (1), Asciano (1), Bucine (1), Arezzo (5), Castelnuovo Berardenga (1), Montepulciano (3), Montevarchi (1), Pienza (1), Cortona (1), Chianciano Terme (1), Cavriglia (1)