Visitando l’Umbria, dovete mettere in conto un ritardo sui tempi previsti di rientro a casa. Tranquilli, non che in questa verde parte d’Italia ci sono forze negative che, con ogni sorta di incidenti, vi fanno andare di traverso la vacanza! Tutt’altro: lo splendore della regione vi “costringerà” a rimanervi un altro po’.

Bene, immaginiamo un cambio di programma repentino: siete sulla E45 per rientrare a casa e ad un certo punto imboccate lo svincolo per Umbertine o Promano; qualche chilometro e vi troverete di fronte Monte Santa Maria Tiberina. Vi si aprirà un panorama decisamente bucolico. Nella vecchia patria degli Etruschi, folte macchie di castagni si alternano ad ampi prati e pascoli.

Il borgo si trova in una posizione collinare, contando poche centinaia di persone. La gente qui vive in simbiosi con la natura. Anche l’economia ruota essenzialmente sui prodotti della terra. Non meravigliatevi se vedrete prodotti tipici, come i pregiati tartufi, esposti nei negozi del centro. Vista la fame che avete, non indugerete un attimo per acquistare questo ben di Dio!

Il pensiero, a tal proposito, verte al pranzo. Dove si andrà a mangiare? L’imbarazzo non sta nel trovare un luogo di ristoro; semmai nella scelta tra i molti agriturismi o i classici ristoranti. Dove aver prenotato telefonicamente nella miglior locanda della zona, la cosa migliore che vi potrà capitare sarà di percorrere a piedi la parte più storica del borgo. Gli edifici sono perfettamente conservati e in stile originario. Nel frattempo, da qualche passante, avrete estorto notizie utili per visitare altri punti. State certi, la prima visita che vi consiglieranno sarà a Lippiano, alla ricerca del suo famoso Castello.

Non vi sfuggiranno, per la città, i riferimenti alla Sfida del Campo Franco, ossia una gara rievocativa a cavallo, in cui gareggiano diversi comuni italiani. È un momento di aggregazione e di sana rivalità, rimembrando i tempi passati, in cui le guerre si combattevano sul serio e a suon di morti. Ma il fascino della nostra cara Italia è proprio in questo: “avercela” con il vicino di comune, senza neanche sapere il perché. I motivi si disperdono nella notte dei secoli.

bosco-umbro.jpg

Sarete attratti da un cartello che vi condurrà in uno dei molti sentieri interni. L’idea vi aggrada, soprattutto dopo che un gruppo di monteschi hanno giurato di aver visto tra i boschi saltellare alcuni daini e perfino scappare uno scoiattolo. Addentrarsi nella macchia dell’alta Umbria vi porterà in un’altra dimensione. Se solo aveste con voi una mountain bike! Stanchi ma felici, ritornerete nel borgo, per prendere la macchina e andare verso il ristorante.

Lungo il tragitto vi colpiranno dei ritagli di vita d’altri tempi: un’anziana contadina che sta mungendo le sue pecore; il marito, o forse il fratello, che sta pompando le sue viti col verderame. Sul finire dell’estate qualche commerciante sul bordo della strada vi proferirà dei porcini favolosi: e voi che così grandi li avete visti solo in foto! Dopo il pranzo, rigorosamente a base di prodotti della zona, credo che deciderete di fermarvi anche per la notte. Approfittando della vicinanza con le restanti città dell’Umbria, per visitarle ancora un po’.

Ok, confesso, vi ho ingannato! Finora mi sono divertito a prevedere ciò che potrebbe accadervi se decideste di visitare Monte Santa Maria in Tiberina. Ma ho giocato facile: tutto ciò che scrivo l’ho vissuto in prima persona, proprio l’anno scorso. Scusate per la slealtà!

(Foto di pizzodisevo in licenza Creative Commons)

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Monterchi (1), Città di Castello (1), Sansepolcro (2), Anghiari (1), Montone (1), Lisciano Niccone (1), Umbertide (1), Cortona (1), Arezzo (5), Sestino (1), Castiglione del Lago (2), Corciano (2)