22 Gennaio 2009

L’affascinante antica dimora dei Fugger

di Patrizia Fazzari (Blog Vipiteno. Alla Scoperta della nostra Italia)

Scorcio cittadino

Scorcio cittadino

La pittoresca cittadina di Vipiteno, in passato antica dimora della stirpe dei Fugger, è una piccola meraviglia tutta da scoprire.
Grazie alla sua ubicazione geografica strategica, inserita in una cornice paesaggistica ricca di vallate verdi, foreste, montagne e ghiacciai, il visitatore si troverà interamente circondato da una natura mozzafiato e inviolata.

L’origine del nome Vipiteno trae spunto dalla denominazione latina di Vipitenum ed è stato adottato solo in tempi relativamente recenti, dopo l’annessione del Trentino-Alto Adige all’Italia.

Una particolarità che caratterizza la cittadina è senz’altro quella di offrire la possibilità di raggiungere direttamente dal centro storico, con un breve percorso a piedi, la cabinovia del Monte Cavallo che ci conduce alla ragguardevole quota di 1860 metri d’altezza.
Con questo impianto moderno, dotato di sei posti, si raggiunge la vetta in poco tempo e, una volta arrivati a destinazione, si potrà decidere di praticare qualsivoglia sport invernale oppure sdraiarsi e rilassarsi comodamente approfittando del piacevole tepore del sole.
Inoltre sul Monte Cavallo è possibile anche effettuare delle divertenti passeggiate con le ciaspole ai piedi oppure delle emozionanti discese con lo slittino, grazie alla lunga pista che conduce fino alla vallata.

Il centro storico di Vipiteno si è mantenuto pressoché intatto durante il corso dei secoli e conserva perfettamente tutto il fascino dei centri medievali; la torre civica, che viene altresì denominata delle Dodici e risalente al 1469, suddivide l’abitato in due parti distinte, la Città Vecchia e la Città Nuova.

Interno della Stube

Interno della Stube

Passeggiare per l’elegante corso cittadino, in tedesco Reichstrasse, ammirando le suggestive case dai delicati colori pastello e i caratteristici bovindi (sporgenze concave degli edifici) in tedesco Erker, dalle forme più disparate che vi si prospettano, è l’ideale per trascorrere un pomeriggio piacevole.
Lungo la Reichstrasse si trova l’interessante Palazzo Comunale, riconoscibile grazie al suo bovindo angolato dalla forma poligonale, dove si potrà ammirare la pregevole stube gotica interamente rivestita in legno e illuminata da un inconsueto lampadario dalle fattezze di donna.

Sempre rimanendo nelle vicinanze della torre civica si ha l’occasione di poter visitare il Palazzo Jöchl (in tedesco Jöchlsthurn), mirabile edificio risalente all’epoca tardogotica e attuale sede del singolare Museo delle Miniere. Ma il vero gioiello artistico di Vipiteno è rappresentato da Santa Maria della Palude, chiesa parrocchiale nella quale vengono gelosamente custodite cinque statue che appartengono al magnifico altare del rinomato scultore bavarese Hans Multscher.

Immancabile se vi trovate in zona durante il periodo natalizio, è una visita all’omonimo Mercatino dove è possibile degustare i caratteristici biscottini al sapor di panpepato o di cannella e assaporare la magia e l’allegria tipica di questo momento dell’anno. Ma parlando di questa cittadina non si può certamente fare a meno di citare la popolarissima Latteria Vipiteno, azienda che grazie all’eccellente qualità dei suoi prodotti, da sempre è un vero e proprio vanto per l’intera Alta Val d’Isarco.

Visitare Vipiteno sarà dunque un’esperienza in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza e di aspettativa grazie alla sua molteplice offerta che spazia dalla natura agli sport invernali, dalla storia all’enogastronomia e molto altro ancora.

  • Segnala su: Inserisci nei preferiti del.icio.us segnalo OKNOtizie Google YahooMyWeb Facebook Technorati

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.

Articoli nei Comuni Vicini: Varna (1), Chiusa (1), Bressanone (2), Tirolo (1), Castelrotto (1), Merano (2)