Mappa Zerbol

Zerbolò descritta da piadvc

Zerbolò è noto come il “paese delle cicogne”, in quanto da tempo ormai si provvede al ripopolamento della zona di questi volatili nel Centro Cicogne Cascina Venara nell’area protetta del Parco Naturale del Ticino.

Commenti: 0
Mappa Carnago

Carnago descritta da piadvc

Diverse sono le chiese di Carnago. Nella Prepositurale di San Martino, che nel 1620 divenne Santuario della Madonna dei Miracoli a seguito di un avvenimento miracoloso avvenuto l’anno prima vi si trova l’affresco della Madonna Miracolosa del quattrocento e si può anche ammirare un’affresco della natività e un crocefisso ligneo del XV secolo.

Commenti: 0
Mappa Nerviano

Nerviano descritta da piadvc

Interessante da visitare la chiesa Parrocchiale di Santo Stefano che si trova nell’omonima piazza. Tra gli elementi architettonici di sicuro interesse, all’interno della chiesa, oltre all’organo Simoni-Carrera, si possono trovare dei dipinti di un certo pregio che si possono ammirare nelle cappelle laterali, nel pulpito, nel presbiterio e alll’altare maggiore.

Commenti: 0
Mappa Marnate

Marnate descritta da piadvc

Probabilmente lo sport è molto praticato in questo comune, visto che le aree sportive, sia nel capoluogo che nella frazione, sono tante. Ci sono infatti, due campi sportivi comunali ed uno dell’oratorio, tre campi da tennis, un campo da calcetto, un campo di pallacanestro e uno di pallavolo. Inoltre ci sono le due palestre comunali e una palestra parrocchiale.

Commenti: 0
Mappa Fara Novarese

Fara Novarese descritta da piadvc

Due erano i castelli (di cui uno è divenuto seminario) e diverse chiese si trovano sul territorio di Fara. In quella di San Pietro e Paolo, chiesa romanica dell’XI secolo, che anticamente era la chiesa parrocchiale, si possono ammirare al suo interno degli affreschi del XV secolo. Caratteristici sono i dieci pannelli che rappresentano il ciclo dei mesi legato al lavoro dei contadini.

Commenti: 0
Mappa San Vittore Olona

San Vittore Olona descritta da piadvc

In questo comune per la presenza del fiume vi era un’economia prevalentemente agricola, per cui, lungo il suo corso, vi erano disseminati diversi mulini, un tempo adibiti alla macinazione del grano. Questo percorso ha ispirato la “Cinque Mulini”, nota corsa campestre la cui caratteristica è il particolare percorso che si sviluppa nelle zone rurali passando nei mulini ancora presenti lungo il fiume

Commenti: 0
Mappa San Pietro Mosezzo

San Pietro Mosezzo descritta da piadvc

Tipica è la Cascina Motta, cascina storica di antiche origini che sorge in campagna. E’ a corte chiusa, con più cortili, con la casa padronale, la casa delle mondine, la casa del lattaio, le stalle, i fienili e il granaio. Nel corso dei secoli ci sono stati diversi proprietari ed ora è gestita da agricoltori che applicano ai terreni innovative tecniche di agricoltura per la coltivazione del riso.

Commenti: 0
Mappa Cerro Maggiore

Cerro Maggiore descritta da piadvc

Cerro Maggiore, nonostante sia un comune molto urbanizzato, è ricco di ampi spazi e giardini. Tra i luoghi da visitare c’è il Parco di Villa dell’Acqua, realizzato verso il 1850 che ha un’estensione di 10000 mq. Strutturato all’inglese, negli ultimi anni è stato aperto al pubblico e attrezzato con una zona giochi per bambini.

Commenti: 0
Mappa San Nazzaro Sesia

San Nazzaro Sesia descritta da piadvc

A San Nazzaro Sesia, vi è una splendida Abbazia Benedettina fortificata del X secolo ( in seguito riedificata), interamente circondata da una Cinta Muraria percorribile a piedi. Nell’abbazia è presente un Chiostro, circondato da portici, con affreschi rappresentanti la vita di San Benedetto. Dell’originaria costruzione romanica rimangono il nartece (parzialmente abbattuto) e la torre campanaria.

Commenti: 0
Mappa Landiona

Landiona descritta da piadvc

A Landiona esistono ancora due mulini ben conservati, quello della roggia Molinara e quello della cascina Baraggiola. Questi mulini, che altrove stanno scomparendo, costituiscono una testimonianza interessante sull’importanza che queste strutture (a conduzione familiare) hanno avuto nella vita di intere generazioni contadine e furono fondamentali per l’economia agraria padana dei tempi passati.

Commenti: 0