Gressoney-Saint-Jean descritta da antonio baglioni

Villaggio ai piedi del monte Rosa, nella valle del Lys. Caratterizzato dall’architettura walser ( abitazioni contadine, in pietra le fondamenta e il piano terreno, adibito a deposito o stalla, e legno per il primo piano, adibito ad abitazione vera e propria). Interessanti il Castello Savoia e il Museo Regionale della Fauna Alpina

Commenti: 0

Gressoney-Saint-Jean descritta da bernardosardano

Gressoney-Saint-Jean é un piccolissimo comune con i suoi 900 abitanti circa della bellissima Valle d’Aosta.
Gressoney-Saint-Jean rientra nella comunità montana Walser Alta Valle del Lys. molto bello e interessante il Giardino Botanico Alpino Castel Savoia.

Commenti: 0
8

Gressoney-Saint-Jean descritta da elenacosta

Venendone dal monte Rosa e tornando ad Aosta, il profumo italo-francese è quasi annebbiato da quello tirolese di Gressoney Saint Jean. Non sto scherzando e non è nemmeno un paradosso, ma visitando il grazioso paesino sembra quasi di trovarsi nel Trentino, con nomi tedeschi e la stessa costruzione del luogo come la fattura tirolese impone1

Commenti: 0

Gressoney-Saint-Jean descritta da marilena57

Situato nella valle del Lys, ai piedi del monte Rosa, questo bellissimo paese walser è un rinomato luogo di villeggiatura estiva ed invernale. Dispone di un buon numero di impianti e piste da sci per trascorrervi un rilassante soggiorno nel verde.

Commenti: 0

Gressoney-Saint-Jean descritta da Bufo bufo

Gressoney St. Jean è un paese di origine walser, con dialetto simile al tedesco (titsch); da visitare la parrocchiale di San Giovanni Battista, con il porticato, la Obre Platz, il Castel Savoia con il giardino botanico, il museo della fauna alpina Beck Peccoz, il lago Gover; in paese e nelle borgate limitrofe vi sono ancora molte vecchie case in pietra e legno (stadel)

Commenti: 0
8

Gressoney-Saint-Jean descritta da marcofederico

Nella valle del Lys o di Gressoney, ecco Gressoney S. Jean allargarsi lungo il torrente, con le sue architetture di origine tedesca ma anche dove la cultura, le tradizioni e la lingua ce lo ricordano. Importante nella stagione invernale ma anche in quella estiva, per le sue camminate vicino al Monte Rosa; da vedere il Castello dei Savoia e il suo giardino botanico.

Commenti: 0

Gressoney-Saint-Jean descritta da Lanfranco Luciani

Posta là dove la valle del Lys si allarga, Gressoney Saint Jean, oggi è conosciutissima da chi pratica sport invernali, ma meriterebbe maggior attenzione sia per il suo centro storico che per le possibili passeggiate estive che ripercorrono antichi sentieri ai piedi del Rosa, un tempo usati dai pastori, dai contrabbandieri, e dalla regina Margherita di Savoia, che qui aveva casa; da visitare.

Commenti: 0

Gressoney-Saint-Jean descritta da betti1955

Il comune di Gressoney si trova nell’alta valle del Lys che scende dalle pendici del Monte Rosa. La storia è legata alla comunità Walser di cui vive ancora la cultura, le tradizioni, l’architettura originale e la lingua. Il “Titsch” è il dialetto di origine germanico parlato ancora oggi. I Walser si insediarono in questa vallata nel XIII secolo.

Commenti: 0

Inserisci Descrizione

Alcune Descrizioni sui Comuni Vicini

Gressoney-la-Trinitè descritta da elenacosta La valle di Gressoney si chiude con il paese de ...
Gaby descritta da anyram Gaby sorge a 1047 s.l.m nella stretta e selvaggia valle ...
Issime descritta da Bufo bufo Issime (locale Eischeme) è un paese di circa 400 abitanti, ...
Brusson descritta da marilena57 Brusson è una località turistica, situata a 1338 metri, caratterizzata ...
Fontainemore descritta da Bufo bufo Fontainemore si trova in Valle d’Aosta, nella valle del Lys; ...
25 Ottobre 2012 alle 16:57: Gressoney-La-Trinité descritta da antonio baglioni
24 Ottobre 2012 alle 12:14: Lillianes descritta da anyram
23 Ottobre 2012 alle 17:31: Etroubles descritta da antonio baglioni
22 Ottobre 2012 alle 17:49: Saint-Rhémy-en-Bosses descritta da antonio baglioni
19 Ottobre 2012 alle 18:44: Rhêmes-Notre-Dame descritta da antonio baglioni

Ultimi Articoli sul Blog Gressoney-Saint-Jean

6 Ottobre 2008 alle 18:28: Filigrane d’oro e lane cotte per i pezzi unici dell’atelier Angster (Interviste Artigiani)